Normative

La prima normativa comunitaria che riguarda, in modo specifico, la protezione dei lavoratori verso l’esposizione alle fibre di amianto, risale al 1980 (dir. 80/1107/CEE) (3).
In Italia, questa tendenza è stata portata all’estremo. Con legge 27 marzo 1992, n° 257 (16) «Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto» è stata vietata ogni forma di utilizzazione.
1) D.Lgs. n 277 del 15.08.1991
2) Legge Ordinaria del Parlamento n. 257 del 27.03.1992 che contiene le norme relative alla cessazione dell’impiego di amianto.
3) D.M. del 06.09.1994 detta le norme per l’effettuazione della valutazione del rischio, il controllo, la manutenzione e la bonifica del materiale contenente amianto (MCA) con una serie di indicazioni tecniche per la messa in sicurezza delle strutture di uso civile e industriale
4) D.Lgs. n. 626 del 19.09.1994 e successivo D. Lgs. 81/08 per la sicurezza dei lavoratori
5) D.Lgs. n. 114 del 17.03.1995;
6) D.Lgs. n. 242 del 19.03.1996;
7) D.Lgs. n. 494 del 14.08.1996;
8) D.Lgs. n. 22 del 05.02.1997;
9) D.Lgs. n. 389 del 08.11.1997;
10) D.M. n. 145 del 01.04.1998;
11) D.M. n. 148 del 01.04.1998;
12) D.Lgs. n. 359 del 04.08.1999;
13) D.M. del 20.08.1999;
14) D.Lgs. n. 528 del 19.11.1999;
15) Dir.Min. Amb. Del 09.04.2002;
16) Deliberazione del 30.03.2004;
17) D.M. n. 248 del 29.07.2004;
18) D. Lgs. n. 257 del 25 luglio 2006 introduce nuove procedure operative e le misure di prevenzione per la tutela della salute dei lavoratori esposti all’amianto ed attua nuove norme europee relative alla protezione dei lavoratori dai rischi derivanti dall’esposizione all’amianto durante il lavoro D. Lgs. 81/2008.